Getty Images presenta la propria intelligenza artificiale: una soluzione sicura per la generazione di contenuti creativi

Negli ultimi anni, l’industria creativa è stata testimone del profondo impatto dell’intelligenza artificiale. Tuttavia, sono state sollevate preoccupazioni riguardo all’uso etico e legale dell’IA nella generazione di contenuti.  

Per affrontare questi problemi, Getty Images ha introdotto la propria l'intelligenza artificiale generativa: un generatore d'immagini che utilizza Picasso di NVIDIA, addestrato esclusivamente sulla vasta libreria multimediale di Getty Images. 


L’obiettivo di Getty Images è quello di fornire un ambiente legalmente sicuro per sfruttare le capacità dell’intelligenza artificiale, impegnandosi nel rispetto dei diritti di proprietà intellettuale. La società afferma che, qualsiasi preoccupazione riguardante nome e somiglianza o dati di addestramento, è del tutto infondata. Inoltre, informa che gli utenti non solo possono scaricare le proprie creazioni, ma anche ottenerne licenze rafforzate da un indennizzo illimitato per ogni download. 

La piattaforma garantisce inoltre che eventuali richieste potenzialmente problematiche vengano bloccate, mentre il contenuto generato rimane esclusivamente all'utente e non viene aggiunto alla libreria per essere concesso in licenza ad altri.  

Craig Peters sottolinea che Getty Images mira a creare un servizio che consenta a marchi e operatori di marketing di abbracciare in modo sicuro l'intelligenza artificiale, ampliando le proprie possibilità creative e garantendo al tempo stesso un equo compenso per i creatori inclusi nei set di formazione sottostanti.  

Per sperimentare il notevole potenziale dell'intelligenza artificiale generativa, le persone interessate possono richiedere una demo tramite il sito Web ufficiale di Getty Images: https://www.gettyimages.it/ia/generazione/informazioni

La strategia attuata da Getty Images rafforza indubbiamente l'impegno nella generazione di contenuti etici, nel rispetto dei diritti di proprietà intellettuale.

Posta un commento