In a sign of litigation to come, Scarlett Johansson sues AI app over use of likeness

⚡️ Flash news ⚡️

Scarlett Johansson è tra le prime celebrità a querelare un'azienda di intelligenza artificiale per aver utilizzato la sua immagine. L'app in questione si chiama "Lisa AI: Yearbook and Avatar" e permette agli utenti di caricare foto ritoccate di se stessi. Nonostante l'immagine generata artificialmente non somigli esattamente all'attrice, Johansson intende perseguire azioni legali. Questo potrebbe diventare un trend, ma rischia di danneggiare le aziende.

Scarlett Johansson è una celebrità che è stata coinvolta in diverse controversie legali riguardanti l'uso della sua immagine. Dopo aver intentato una causa contro Disney per il suo film "Black Widow" distribuito contemporaneamente in sala e in streaming, Johansson è ora tra le prime celebrità a citare in giudizio un'azienda di intelligenza artificiale per l'uso non autorizzato della sua immagine. L'app in questione si chiama "Lisa AI: Yearbook and Avatar" ed è principalmente utilizzata per una sfida chiamata "90s Yearbook Challenge". L'app consente agli utenti di pubblicare foto ritoccate di sé stessi di fronte a uno sfondo blu o grigio. Nel video promozionale dell'app, viene utilizzato del materiale reale di Johansson, seguito da un'approssimazione straordinaria dell'attrice. Nonostante il disclaimer nell'annuncio affermi che le immagini prodotte dall'app non hanno nulla a che fare con la persona in questione, Johansson ha deciso di intraprendere azioni legali. L'avvocato di Johansson, Kevin Yorn, ha dichiarato che la situazione non viene presa alla leggera e che verranno adottati tutti i rimedi legali a disposizione. L'annuncio di 22 secondi è apparso su Twitter, dove le norme pubblicitarie sono diventate meno rigorose. Tuttavia, a causa delle azioni legali intraprese, il video è stato rimosso dal web. Non sarà certo l'ultima volta che una celebrità citi in giudizio un'azienda di intelligenza artificiale per l'uso non autorizzato della propria immagine. Questa situazione può rappresentare una vera sfida per gli imprenditori che cercano di far fallire la propria azienda prima ancora che essa prenda piede.

Posta un commento