La battaglia per il multiplayer: Activision Blizzard condannata per violazione di brevetti

Il fragore delle battaglie virtuali combattute nei videogiochi "World of Warcraft" e "Call of Duty" è giunto fino alle aule di un tribunale del Delaware, dove si è consumato uno scontro legale che potrebbe avere ripercussioni profonde sull'intero settore videoludico. Al centro della contesa, non nuove armi digitali o personaggi leggendari, ma qualcosa di ben più concreto e controverso: i brevetti tecnologici.

Protagonista suo malgrado, Activision Blizzard, colosso del gaming mondiale, condannata a pagare la cifra record di 23,4 milioni di dollari per aver violato due brevetti detenuti dalla società di investimenti Acceleration Bay. Una sentenza, emessa lo scorso 3 maggio dopo un'estenuante battaglia legale durata quasi un decennio, che ha scosso il mondo videoludico aprendo interrogativi cruciali sulla tutela della proprietà industriale nell'era digitale.

La battaglia per il multiplayer: Activision Blizzard condannata per violazione di brevetti

Ma cosa ha scatenato questa guerra legale senza esclusione di colpi? Al centro della disputa tecnologie cruciali per il funzionamento del multiplayer online, linfa vitale di titoli di successo planetario come quelli prodotti da Activision Blizzard. Secondo Acceleration Bay, i brevetti in questione, originariamente di proprietà di Boeing e successivamente acquisiti dalla stessa società, sarebbero stati sfruttati indebitamente per la realizzazione delle complesse infrastrutture di rete che permettono a milioni di giocatori in tutto il mondo di sfidarsi in tempo reale.

La miccia della controversia è stata accesa nel lontano 2015, quando Acceleration Bay, società specializzata nello sviluppo tecnologico e nell'incubazione di nuove imprese, ha deciso di trascinare in tribunale il colosso Activision Blizzard accusandola di aver utilizzato senza autorizzazione due brevetti per la "condivisione simultanea di informazioni" tra computer "ampiamente distribuiti". Tecnologie, queste, che secondo Acceleration Bay sarebbero state implementate illegalmente nelle funzionalità multiplayer online di "World of Warcraft", "Call of Duty: Black Ops III" e "Call of Duty: Advanced Warfare".

Per comprendere appieno la portata della disputa è necessario addentrarsi nei meandri tecnici e legali del caso: i brevetti contesi da Acceleration Bay riguardano tecnologie essenziali per garantire un'esperienza di gioco online fluida e sincronizzata, consentendo ai giocatori sparsi in diverse località di interagire in tempo reale. Si tratta, in altre parole, di tecnologie che stanno alla base del successo planetario dei giochi multiplayer online, un mercato che genera miliardi di dollari ogni anno.

Durante il processo, Activision Blizzard ha provato a difendersi sostenendo che le tecnologie utilizzate nei suoi giochi fossero differenti da quelle descritte nei brevetti di Acceleration Bay. L'azienda ha inoltre sostenuto che, anche in caso di violazione accertata, i danni economici subiti da Acceleration Bay sarebbero stati minimi, quantificabili in un massimo di 300.000 dollari.

La giuria, tuttavia, non ha creduto alla ricostruzione fornita da Activision Blizzard, ritenendo invece che l'azienda avesse effettivamente violato i brevetti di Acceleration Bay, traendo da questa violazione un profitto ingiusto. Da qui la decisione di condannare il colosso del gaming a pagare un risarcimento milionario suddiviso in 18 milioni di dollari per le violazioni relative a "World of Warcraft" e 5,4 milioni di dollari per quelle riguardanti i titoli "Call of Duty".

La sentenza ha scosso il mondo videoludico aprendo scenari inediti e potenzialmente dirompenti. Da un lato, la vittoria di Acceleration Bay potrebbe incoraggiare altre aziende a intraprendere azioni legali simili difendendo con forza i propri brevetti in un mercato sempre più competitivo e spietato. Dall'altro lato, il caso Activision Blizzard potrebbe spingere gli sviluppatori a rivedere le proprie strategie prestando maggiore attenzione alla questione dei brevetti per evitare future controversie legali.

Nonostante la batosta subita, Activision Blizzard non ha alcuna intenzione di arrendersi: l'azienda ha infatti annunciato di voler presentare ricorso in appello, certa di poter ribaltare la sentenza. Un portavoce, pur esprimendo delusione per la decisione della giuria, ha ribadito con fermezza che le tecnologie utilizzate nei giochi Activision Blizzard sono originali e non violano alcun brevetto.

La battaglia legale, dunque, è tutt'altro che conclusa. Le due aziende si preparano ad un nuovo scontro, questa volta nelle aule di un'altra corte. Nel frattempo il mondo videoludico osserva con attenzione, consapevole che il verdetto finale di questa battaglia potrebbe avere conseguenze di vasta portata per l'intero settore.

Posta un commento