Perché Craig Wright ha perso il caso Bitcoin?


Il giudice Mellor ha recentemente pubblicato una dettagliata sentenza con le sue argomentazioni complete in merito alla controversia sull'identità di Satoshi Nakamoto, l'inventore del Bitcoin.
Tale decisione è giunta a seguito del verdetto orale emesso al termine del processo di cinque settimane, in cui il giudice ha stabilito che il dottor Craig Wright non è Satoshi. 

La sentenza rappresenta un duro colpo per il dottor Wright, il quale aveva sostenuto di essere l'autore del Bitcoin White Paper e di aver rilasciato la prima versione del codice sorgente di Bitcoin, oltre ad aver avanzato accuse di violazione del copyright nei confronti di varie parti. 

Tuttavia, il giudice Mellor ha rilevato che Wright ha "mentito ripetutamente e ampiamente" in tribunale, utilizzando anche "tecno-bufale" e producendo "clumsy" contraffazioni. La decisione del giudice si basa su un "inequivocabile" insieme di prove, che ha portato alla conclusione che Wright non è Satoshi. 

Mellor ha esaminato 47 diverse accuse di falsificazione durante il processo, trovandole tutte provate e ha individuato ulteriori casi di documenti non autentici, secondo le relazioni di un esperto forense.
Il giudice ha concluso che i tentativi del dottor Wright di dimostrare di essere Satoshi e di rivendicare il copyright del Bitcoin White Paper costituiscono un "gravissimo abuso" del processo giudiziario, in quanto ha prodotto deliberatamente documenti falsi per sostenere affermazioni mendaci e ha utilizzato i tribunali come strumento per commettere frode. 

Si tratta di un caso estremamente insolito, caratterizzato da una considerevole mole di prove documentali e da oltre 20 giorni in tribunale.




This news is summarized and processed by the IP Topics artificial intelligence algorithm.
Read the full article on the original webpage: https://www.rosieburbidge.com/post/why-did-craig-wright-lose-the-bitcoin-case
The cover image belongs to the source website and is used as an integral part of the summary of the reference article.

Posta un commento